Cerca nel sito

Newsletter

Registrarsi è completamente gratuito. Compila i dati nel form sottostante.
Privacy e Termini di Utilizzo
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Balistica

Yes, we can!

I calibri a percussione anulare non si possono ricaricare: questo è un mantra che ripetono spesso molti frequentatori dei poligoni di tiro. In realtà anche queste cartucce si possono, seppure con difficoltà, ricaricare

di Marco Calistri
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Anche le cartucce a percussione anulare si possono ricaricare e non solo da oggi ma dagli inizi del XX secolo. L’armaiolo parigino Benjamin Houiller, unitamente all’armeria Blanchard, nel 1846 mise a punto un bossolo metallico in cui si usava come miscela di accensione il fulminato di mercurio, che era inserito nella parte interna dell’orlo del fondello.

continua la lettura a pag. 70 N. 66/2017

Scelta di vertice

Munizioni leader nel settore del tiro a segno ai massimi livelli, le cartucce Eley possono anche dare quel “qualcosa in più” nelle armi corte non propriamente agonistiche. L'importante è valutare attentamente caratteristiche, prestazioni e prezzi

di Paolo Tagini
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

La Eley è in attività fin dal 1828 grazie a William e Charles Eley che fondarono a Londra una piccola azienda per la produzione di cartucce (con ciò intendendo l'involucro di carta che conteneva la carica di polvere nera e avvolgeva la palla, da usare nelle armi ad avancarica). In seguito, nel 1928, la Eley si trasferì a Birmingham, la città che è sempre stata il tradizionale centro della produzione armiera britannica.

continua la lettura a pag. 54 N. 65/2017

Come valutare una cartuccia

Grazie alla fisica e alla disponibilità di strumenti efficaci per la elaborazione dei dati, è possibile ricostruire il comportamento di un proiettile con un modello matematico e fare un confronto nelle stesse condizioni con altri proiettili

di Pompeo Scalorbi

Dalla seconda metà del secolo scorso, con le ricerche del Colonnello Jeff Cooper e le pubblicazioni di Marshall e Sanow sullo Stopping Power, sono stati fatti molti progressi nello studio della balistica terminale per impieghi di difesa personale, fino ad arrivare all’FBI Testing Protocol che stabilisce i criteri di prova e stila una graduatoria in base ai risultati riscontrati.

continua la lettura a pag. 98 N. 64/2017

Altri articoli...
Banner

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta .

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information