Cerca nel sito

Newsletter

Registrarsi è completamente gratuito. Compila i dati nel form sottostante.
Privacy e Termini di Utilizzo
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Armi Corte

Anche il caricamento rapido

Gli appassionati dell'arma a tamburo possono divertirsi e allenarsi anche in ambiente indoor con il Gamo PR-776, revolver calibro 4,5 mm da 8 colpi che spara i classici pallini Diabolo grazie alle bombolette usa e getta di anidride carbonica

di Massimo Castiglione
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

La possibilità offerta dalle moderne armi ad aria compressa – o meglio a gas compresso CO2 – di riprodurre armi “vere” con un meccanismo di sparo che permetta una reale attività di tiro, anche se solamente ludico, continua a produrre i suoi effetti. In queste pagine proviamo un revolver, tipo di arma che ha sempre un suo fedele seguito di estimatori, grazie all'iniziativa della ben nota ditta spagnola Gamo.

continua la lettura a pag. 80 N. 63/2017

Insuperabile potenza

Da quasi quarant'anni questa realizzazione israeliana è “nei posti alti” dell'ideale classifica di pistola più potente del mondo. Eventuali record a parte, la versione in .44 Magnum da noi provata ha dimostrato di essere tecnicamente molto interessante e valida dal punto di vista delle prestazioni

di Massimo Castiglione
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

La Desert Eagle fu progettata attorno al 1979 da un gruppo di tre appassionati americani che ebbero l’idea di fare una pistola semiautomatica con funzionamento a recupero di gas. I tre fondarono la Magnum Research, Inc. a St. Paul, in Minnesota. Le prime pistole, note come “Eagle 357”, furono annunciate nel 1982.

continua la lettura a pag. 66 N. 63/2017

 

Un ritorno alla Luger?

Con la XM17 – nome in codice della Sig-Sauer P320 adottata dall'esercito americano – si celebra in un certo senso la definitiva consacrazione delle pistole a percussore lanciato, ora diventate note come “Striker Fired Action”

di Paolo Tagini
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Negli anni Settanta è iniziato un processo di sviluppo delle pistole semiautomatiche di grosso calibro, destinate all'uso di difesa personale e per servizio nei corpi militari e di polizia, che ha portato a dei risultati molto importanti. Le linee di questo sviluppo sono state rivolte verso molteplici obiettivi, tesi soprattutto ad aumentare la sicurezza d'uso, la capacità di fuoco, la potenza del calibro impiegato, la resistenza agli agenti esterni di queste armi nonché a migliorarne la compattezza e la fisiologicità.

continua la lettura a pag. 52 N. 63/2017

Mi ricordi la Gold Cup...

Non è la prima volta che ci occupiamo delle 1911 prodotte dalla Kimber Mfg, una delle aziende più note e apprezzate in questa particolare nicchia di mercato, oggi quanto mai affollata e competitiva. Torniamo comunque sempre volentieri a parlare delle pistole prodotte nello Stato di New York, date le loro innegabili qualità meccaniche e balistiche, grazie alle quali primeggiano da anni nelle competizioni sportive e agonistiche

di Francesco Battista
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Le 1911 della Kimber Manufacturing, Inc., di Yonkers, nello Stato di New York, sono quindi da tempo molto diffuse in patria e in molti altri paesi, non ultimo il nostro, dove si sono conquistate una solida posizione tra i numerosi seguaci della creazione di John M. Browning.

continua la lettura a pag. 58 N. 62/2017

Evoluzione continua

Abbiamo avuto modo di esaminare e di effettuare una breve prova della Beretta M9A3, ultima evoluzione della serie 92 offerta come sostituta della M9 in dotazione alle Forze Armate Americane. Vediamone le caratteristiche e le migliorie che dovrebbero renderla ancora attuale nel moderno campo di battaglia

di Paolo Princi
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

In questa sede non parleremo della storia della Beretta 92 e della sua adozione da parte delle Forze Armate USA, argomento ormai ripetutamente sviscerato, ma delle differenze che il modello M9A3 ha rispetto all'M9 e all'M9A1 e delle motivazioni che hanno portato allo sviluppo di questa nuova arma.

continua la lettura a pag. 32 N. 62/2107

Altri articoli...
Banner

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta .

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information