Cerca nel sito

Newsletter

Registrarsi è completamente gratuito. Compila i dati nel form sottostante.
Privacy e Termini di Utilizzo
Banner
Banner
Banner

Accessori

Estetica ma non solo

Grazie alle nuove bombolette aerosol Topshield è possibile verniciare in modo durevole e con risultati professionali le parti metalliche delle nostre armi. L'attrezzatura richiesta è veramente minima

di Massimo Castiglione

La vernice ceramica Topshield è un prodotto concepito, in linea generale, per manufatti sottoposti a stress da usura o dove siano richieste elevate resistenze chimiche: nello specifico, è particolarmente adatto per la protezione delle armi. È prodotto dalla Mondial Color, azienda di Povoletto (UD) specializzata in questa branca della chimica, e sfrutta una formulazione innovativa a base di resine termoindurenti, nanoadditivi e microparticelle ceramiche al fine di favorire la protezione totale dell’arma da corrosioni, abrasioni e sostanze aggressive.

continua la lettura a pag. 68 N. 73/2018

Cambio di colore

Senza forno, compressore o altre attrezzature complesse è possibile verniciare le armi con ottimi risultati. Servono un po' di abilità e un kit della DuraCoat, linea di prodotti made in USA importati dall'armeria 9 Millimetri di Vercelli

di Massimo Castiglione

Pistole e fucili hanno sempre avuto problemi notevoli per quanto riguarda la resistenza alla corrosione. Per ovviare a queste difficoltà da tempo le armi militari sono protette con trattamenti a base di vernici speciali, impedendo così l’azione della ruggine e riducendo gli effetti delle abrasioni. In genere questi prodotti vengono applicati con complessi processi industriali.

continua la lettura a pag. 84 N. 69/2017

Un'idea vincente

Da un prodotto di successo è nata un'azienda: vediamo in queste pagine come si è sviluppato il primo che, parallelamente, ha permesso alla seconda di diventare una vera realtà produttiva di accessori e parti speciali per le armi

di Paolo Tagini
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Toni System è una azienda italiana, fondata da Francesco Toni, che produce accessori e componenti aftermarket per numerose armi presenti sul mercato. Il marchio Toni System nacque assieme a una particolare bindella per carabina che questa azienda costruisce da oltre un decennio; la sua diffusione negli anni non ha mai conosciuto declino, grazie al crescente numero di cacciatori che le utilizzano per ottimizzare le loro performance di tiro. Vediamo in queste pagine la sua storia e le sue caratteristiche.

continua la lettura a pag. 78 N. 68/2017

Una nuova prospettiva

Un po' a sorpresa, la Blaser si è presentata con una linea di quattro binocoli studiati espressamente per l'impiego venatorio e realizzati in partnership con un'azienda tedesca del settore ottico

a cura della redazione

La caccia è certamente il settore che più di ogni altri mette a dura prova il binocolo perché questo strumento viene utilizzato anche nelle peggiori condizioni ambientali e climatiche. Progettare dei binocoli specifici per l'impiego venatorio è certamente un impegno gravoso che i cacciatori che fanno parte del team di lavoro della Blaser hanno deciso di affrontare: così, in partnership con un'azienda del settore sono nati i binocoli Primus, orgogliosamente made in Germany.

continua la lettura a pag. 70 N. 68/2017

Qualsiasi distanza non è mai tale per la mente

L'autore, appassionato di Long Range e di tutto ciò che è Tactical, ci descrive la tecnica del Saddle Shooting e l'uso degli accessori che sono alla base di questo innovativo modo di sparare con la carabina, fino a ipotizzarlo come una nuova disciplina di tiro

di Enzo De Lucia
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Un po’ si storia
La definizione Saddle Shooting, che in inglese significa letteralmente “sparando dalla sella”, ci riporta con la mente ai tempi del Far West, quando gli Indiani fronteggiavano i bianchi sparando al galoppo sui loro cavalli. Quante volte abbiamo visto queste scene nei film western di un tempo: non ci siamo mai chiesti però come fosse possibile colpire l’avversario poiché andare al galoppo e prendere la mira doveva essere veramente arduo e non tutti erano Buffalo Bill.

continua la lettura a pag. 88 N. 66/2017

Altri articoli...
Banner

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta .

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information