Cerca nel sito

Newsletter

Registrarsi è completamente gratuito. Compila i dati nel form sottostante.
Privacy e Termini di Utilizzo
Banner
Banner
Banner

News

Conosci il tuo nemico

La guerra segreta dell’intelligence in Siria e la storia dello Stato del terrore

a cura di Zeus

Ci si abitua a  tutto. Nella frenetica società odierna ci si abitua a tutto e le notizie di efferati attentati compiuti dalla matrice oltranzista islamica oramai hanno ridondanza e creano emozioni solo della durata di alcuni passaggi nei notiziari. Ma per gli attenti lettori di questa rivista che fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e conoscenza, sempre alla ricerca del particolare più recondito non può mancare la lettura dell’ultima fatica di Andrea Foffano (docente di Intelligence e Sicurezza) SIRIA E LA GUERRA SEGRETA DELL’INTELLIGENCE che, come una ciliegia tira l'altra, è il seguito del recente ISIS. ATTACCO ALL’EUROPA.
In cento pagine l’autore ci svela, tramite la ricerca e lo studio di documenti delle agenzie di intelligence coinvolte e una ferrea analisi geopolitica sugli interessi economici in campo, tutto quello che dietro i titoli dei quotidiani e relativi articoli di fondo non è stato detto alla pubblica opinione. Tutto comincia dalla scoperta nel tratto di mare tra Iran e penisola del Qatar di quello che probabilmente è il più grande giacimento di gas naturale al mondo; essendo posto a metà tra i due stati, secondo le norme internazionali i diritti di estrazione sono paritetici. Tutto bene se tra i due stati non ci fossero già controversie di appartenenza tribale, religiosa e di schieramento politico, cui si aggiunge che il “cliente potenziale” è per entrambi l’Europa; a questo punto entra in gioco anche la Russia come principale fornitore europeo di gas che non vuole concorrenza commerciale. Di pagina in pagina si scoprono i veti incrociati sulla costruzione del gasdotto, causati dall’appartenenza a schieramenti politicamente avversi ed etnie da sempre nemiche, la sciagurata politica estera di Obama nell’area interessata, della lucida operazione scacchistica del premier russo Putin per riportare in gioco e ricostruire quella che fu l’influenza sovietica in un’area nevralgica del mondo. Salta fuori dalle pagine l’operazione di svuotamento degli arsenali di Gheddafi che, in viaggio tra Mediterraneo e confine turco, con la benedizione della Cia armano le forze anti Assad con i missili controcarro Tow. Si scoprirà dove sono arrivati i due missili lanciati da una nave russa che secondo gli strilli dei notiziari internazionali si sono persi nel deserto ma così non è stato. Si capirà come funziona quello che in prospettiva è il futuro già attuale della “Guerra per Procura” e l’enorme mercato della fornitura di Contractors altamente specializzati con società di gestione aventi bilanci da milioni di dollari. Aggiornato sino a pochi mesi fa, questo libro è l’appassionante lettura di quanto sta dietro le notizie che ci entrano in casa con la Tv e, se non fosse per le migliaia di morti, potrebbe essere un romanzo della storica serie con copertina gialla.

Leggi tutto...

La storia passo a passo

Più che un libro sulle pistole Beretta, la più recente opera letteraria di Adriano Simoni può essere considerata come un catalogo ragionato sulla produzione delle armi corte della più vecchia Casa italiana che, come sanno i lettori, spazia per oltre un secolo. Una specie di enciclopedia che, seguendo l'ordine cronologico, permette all'appassionato-collezionista di collocare con precisione i modelli di interesse e di scoprirne le caratteristiche salienti. Viceversa, se questo PISTOLE BERETTA viene letto ordinatamente dall'inizio – come peraltro si dovrebbe fare con quasi tutti i libri... – permette di cogliere lo sviluppo di questa importante branca della produzione Beretta, non dimenticando infatti che quello gardonese è un costruttore “completo”, vale a dire che è in grado di spaziare dalla produzione dei fucili da caccia a quelli da tiro, da quelli militari alle armi corte.
Un'opera di consultazione ma anche di carattere storico che il bravo Adriano Simoni ha “messo in pista” con la consueta autorevolezza.

Adriano Simoni
Pistole Beretta – I modelli che hanno fatto la storia
383 pagine di testo formato 210x210 mm con numerose foto a colori
Editoriale C&C – Locate Triulzi (MI), 2017 – € 80,00

Zeiss rilancia sulle novità

Dai bino-telemetri ai cannocchiali da puntamento, si arricchisce considerevolmente l'offerta della Casa tedesca

Bino-telemetri
Il nuovo Zeiss Victory RF impone uno standard completamente diverso tra i telemetri laser di alto livello. Con il sistema balistico BIS II integrato e la connettività Bluetooth, la nuova linea Victory RF si rivolge soprattutto a cacciatori e tiratori che praticano il tiro a grande distanza. Il telemetro laser fornisce tutti i dati rilevati entro un secondo; utilizzando la “Zeiss Hunting App” i dati balistici possono essere caricati sul telemetro, che poi fornirà dati perfettamente personalizzati grazie al calcolatore balistico integrato. Con una distanza reale di misurazione che arriva fino a 2.500 yards (2.300 metri), l’innovativo sistema BIS II calcola l’alzo corretto tenendo conto automaticamente dei fattori esterni come angolo di sito, temperatura e pressione atmosferica.
Seguendo il design moderno della linea Victory, anche il bino-telemetro Victory RF offre la stessa ergonomia, con il ponte Double-Link e la generosa ghiera di focalizzazione provvista di “comfort-focus”, rinunciando a vari gadget non necessari che sarebbero solo di impiccio per un’osservazione confortevole. Il sistema ottico ad alta performance offre immagini chiare, brillanti e nitide, soprattutto in condizioni di luce proibitive per altri binocoli. Il tutto protetto da un robusto corpo in magnesio.

Leggi tutto...

Altri articoli...
Banner

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta .

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information